La salute è la somma di tante tessere.

Lo stomaco, l’alchimista della digestione

Lo stomaco La stomaco è un elemento cardine del nostro apparato digerente. Il suo compito principale è di trattenere e sminuzzare il cibo che abbiamo ingerito in tante piccole porzioni omogenee, che saranno spinte poi nell’intestino. È un organo cavo, costituito da tessuto muscolare e ha la forma di un sacco ricurvo. Qui il cibo viene impastato e mescolato con i succhi gastrici acidi (circa 2-3 litri al giorno). La capienza dello stomaco varia in funzione del nostro peso, della nostra altezza e del sesso, ma anche delle nostre abitudini alimentari. In media può contenere 1.5 litri.

Il tempo di permanenza del cibo nello stomaco dipende in modo preponderante da cosa e quanto mangiamo. Se frutta e verdura vengono digerite in un’ora, gli alimenti grassi ne possono richiedere fino a otto. Quindi un pasto pesante, rispetto a uno leggero, si traduce in molto più lavoro per lo stomaco.

Consigli per uno stomaco in buona salute 

  • Lo stomaco predilige pasti regolari e quantità moderate.
  • Se avete esagerato con il cibo e avete la tipica sensazione di stomaco pesante, potete alleviare il vostro malessere con succhi e decotti a base di radici di genziana, artemisia, calamo e millefoglio, erbe che rafforzano lo stomaco e agevolano la produzione dei succhi gastrici.
  • Prediligete latte, yogurt e latte acido scremati e formaggi magri, con un contenuto di grassi inferiore al 45 %, nonché carni e pesce magri, verdure verdi, pasta, pane e riso, tutti alimenti facilmente digeribili.
  • Evitate invece i cibi grassi e ricchi di zucchero, le pietanze molto piccanti o salate e le vivande bollenti o troppo fredde, poiché rallentano e ostacolano la digestione e possono provocare indisposizioni.

Bibliografia: Faller, A. (2016), Der Körper des Menschen, Georg Thieme Verlag KG, 17. überarbeitete Auflage.