Balneazione in tutta sicurezza

Ogni anno in Svizzera tre bambini di età compresa tra lo zero e i nove anni muoiono a causa di annegamento. L’Ufficio prevenzione infortuni (upi) sostiene la campagna «Water Safety», tesa a sensibilizzare i genitori e i bambini sui pericoli della balneazione. La CONCORDIA si impegna a fianco dell’upi per una maggiore sicurezza in acqua.

badi tour Il sole splende, le temperature salgono: nelle calde giornate estive è difficile resistere al richiamo dell'acqua. Non c’è nulla di meglio di un tuffo rinfrescante in un lago, in un fiume oppure in piscina. Basta preparare il cestino del picnic, i materassini gonfiabili e i salvagenti ed ecco che tutta la famiglia è pronta per una magnifica giornata all’insegna del divertimento acquatico.

Bambini sempre nelle immediate vicinanze!

I genitori devono assolutamente evitare di lasciare i bambini giocare soli in prossimità dell’acqua e accompagnarli ogni volta che decidono di immergersi. Un consiglio prezioso: tenete i bimbi sempre sotto sorveglianza e i più piccini nelle immediate vicinanze, ossia a una distanza massima di tre passi.

Inoltre non lasciatevi distrarre, ad esempio dall’invio di SMS o dalla consultazione della vostra pagina Facebook. Gli annegamenti di bambini sono dovuti principalmente all'assenza di sorveglianza da parte degli adulti. Un bimbo può annegare in venti secondi, spesso senza fare il minimo rumore.

Anche gli specchi d'acqua di piccole dimensioni possono nascondere pericoli mortali: numerosi infortuni si verificano infatti nelle piscine domestiche e negli stagni da giardino. Al fine di ridurre al minimo i rischi di annegamento, vi raccomandiamo di adottare le misure di sicurezza adeguate, come ad esempio la posa di una recinzione.
 

 

In acqua senza rischio

Pronti a tuffarvi? Trovate preziose informazioni sul sito:

Ufficio prevenzione infortuni (upi)